Ab/norme, la tredicesima edizione del Città delle 100 Scale Festival, uno dei momenti in cui l’arte e le live performance si mescolano con le aree urbane. Anche questa edizione vede il sostegno del Fondo Etico Bcc Basilicata.

Ma perché Ab/norme? Cosa ci aspettiamo dal futuro? Cosa ci manca? Erano questi i quesiti sottesi nella passata edizione che portava il titolo di “Assenza/Presenza”. In questa edizione è in discussione la retorica in circolo che ricorre insistentemente all’espressione “ritorno alla normalità”. Proponiamo – forzando un po’ la lingua italiana – una nuova endiadi terminologica: Ab/Norme allude ai due termini “norme” e “abnorme”, in un consueto gioco di contrasti e reciproci rimandi. Avremo modo di chiederci cosa sia la normalità e, allo stesso tempo, cosa la pandemia abbia ormai portato a una sistematica “distorsione”, a una “sfocatura”, ponendo in discussione i canoni stessi del normale.

Un programma ricco e intenso, per un evento che dà spazio alla cultura e all’arte nella città capoluogo di regione conosciuta anche come “Città delle Scale”

Il calendario delle prossime date

Martedì 7 settembre luogo degli eventi la piazza Don Pinuccio Lattuchella a Potenza.

Alle 20.30 andrà in scena un dialogo tra danza e musica con la performance di Enrico Paglialunga che si esibirà nello spettacolo Shape of moving waves. Una griglia sul pavimento definirà i limiti dello spazio scenico ed intrappolerà la danza tra le variazioni sonore. L’interazione tra suono e movimento darà vita ad un gioco interattivo che innesca ambizione e curiosità. Riuscirà la danza a soddisfare l’utopico desiderio di invertire le regole ed oltrepassare il limite?

Alle 21.15 Fabritia D’Intino e Daria Greco porteranno in scena Tagadà, una esibizione che esplora la compresenza dei corpi in una condizione di distanza, dove le performer abitano lo stesso luogo senza mai incontrarsi e si condizionano a vicenda attraverso uno scambio indiretto di informazioni.

Alle 22 spazio alla musica onirico elettronica, con la Loveiscoil Liquid Orchestra, le elaborazioni di immagini in tempo reale di Utopotronik e la post produzione live di PJ.

Giovedì 9 settembre alle ore 20.30 al Teatro Stabile di Potenza lo spettacolo La riparazione con César Brie e Koreja. Sarà ambientato in una stazione, dove però non ci sono treni. Una stazione dove andare a riparare qualcosa della propria vita. Un luogo d’incontri, fugaci, brevi, intensi, dove si può finalmente dire la parola non detta.

Per le schede relative agli spettacoli e alle biografie degli artisti si rimanda al sito: www.cittacentoscale.it/ita/programma-2021 

La rassegna internazionale di danza urbana e arti performative continuerà fino al 31 ottobre con un cartellone ricco di spettacoli, performance, residenze e incontri con ospiti provenienti da varie parti del mondo. 

A causa del perdurare dell’epidemia per tutti gli spettacoli è necessaria la prenotazione obbligatoria e gli spettatori dovranno essere muniti di green pass all’ingresso

 

Il Città delle 100 Scale Festival è prodotto dall’associazione Basilicata 1799, in collaborazione con MIC Direzione Generale per lo spettacolo e Regione Basilicata – Dipartimento presidenza, e con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura del Comune di Potenza e dell’APT Basilicata ed è sponsorizzato da BCC Basilicata. Alla rete del festival aderiscono istituzioni locali, associazioni e organizzazioni culturali, istituzioni scolastiche.

Il programma dettagliato è disponibile al sito: www.cittacentoscale.it/ita/programma-2021

I biglietti sono acquistabili al sito: www.ciaotickets.com/festival-citta-delle-100-scale

Per informazioni e accrediti stampa: ufficiostampa@cittacentoscale.it

Il Città delle 100 Scale Festival sui social:
Facebook: www.facebook.com/cittacentoscale
Instagram: www.instagram.com/cittacentoscale/

 

Spargi la voce :)